11 dicembre 2017
porta fortuna rivista adokkiaperti.com

TURISMO, AMBIENTE, TERRITORIO, CULTURA, MOTORI, EVENTI, HOTEL, RISTORANTI, ROULOTTE, CAMPER

turismo a 360°

 
 

Bonometti:nel 2016 saranno 50 candeline


Centrocaravan Bonometti si prepara a festeggiare i 50 anni di attività, con l’inizio del nuovo anno. La prima iniziativa del cinquantenario chiama a raccolta tutti i campeggiatori e li invita a spedire le proprie fotografie di viaggio o vacanza che verranno selezionate per la prossima campagna pubblicitaria del 50° anniversario.

Nel 2016 Bonometti Centrocaravan festeggerà i 50 anni di attività, uno straordinario traguardo che la più grande concessionaria di camper e caravan d’Italia celebrerà insieme a tutti i suoi clienti. Il palinsesto delle attività per il cinquantenario sta già prendendo forma e sarà un 2016 ricco di iniziative ed eventi. Ma la festa inizia subito: Bonometti Centrocaravan invita camperisti, caravanisti e campeggiatori a partecipare all’iniziativa “50 anni. Quelli nostri e dei vostri viaggi”, inviando le proprie foto all’indirizzo consiglidiviaggio@bonometti.it. Le foto più belle che rispecchieranno il tema delle vacanze itineranti saranno selezionate per la campagna pubblicitaria del cinquantenario e pubblicate sulla pagina Facebook di Bonometti Centrocaravan.

«Siamo nati nel 1966 come ditta individuale per la vendita di pneumatici e accessori per automobili e autoveicoli – racconta Danilo Bonometti, fondatore della concessionaria insieme con la moglie Maria Pia - Dopo anni di sacrifici, il 1971 segnò l’inizio della prima espansione commerciale con la costruzione di uno stabilimento di circa 5000 mq coperti. Poi nel 1974 mi innamorai di Monica, Sabina e Patrizia, cioè di tre splendide caravan della Nardi che furono le prime roulotte che vendemmo. Da quel momento in poi la mia vita personale e professionale è stata indissolubilmente legata a questo settore. In pochi anni, dal 1976 al 1980 abbiamo aperto le sedi a Verona (4000 mq coperti) e poi a Vicenza (27000 mq coperti). Alla Nardi affiancai prima Elnagh e poi Fendt, marchio che ancora oggi distribuiamo e che rappresenta una delle nostre punte di diamante».

Gli anni ’80 sono quelli dello sviluppo dei motorizzati e tutte le principali case costruttrici si dedicano a questo nuovo strumento da vacanza. Il mercato si espande e Danilo Bonometti integra la vendita di veicoli ricreazionali con servizi dedicati alla clientela come officine attrezzate, market accessori e magazzino ricambi. Negli anni ’90 e nei successivi Bonometti acquista e rafforza il suo ruolo di assoluto protagonista nel settore, che detiene tuttora. Fino ad arrivare nei primi anni 2000 all’apertura di due nuove sedi: a Castelfranco Veneto nel 2002 e a Trento nel 2003. Sono questi anche gli anni in cui Bonometti apre l’agenzia di rappresentanza per il mercato italiano dei marchi Hobby e Fendt, marchi d’élite per gli appassionati della caravan. Impegno e passione portano anche l’agenzia a sviluppare servizi a sostegno del mercato e degli utenti con risultati eccellenti anche sotto il profilo commerciale.

Il decennio successivo vede lo sviluppo di servizi sempre più cuciti sulle esigenze del campeggiatore moderno, dall’assistenza al customer service, dal noleggio alla gestione delle pratiche amministrative, all’organizzazione di incontri ai seminari tecnici per la clientela. Lo “stile” Bonometti, cioè l’impegno a migliorare costantemente l’offerta di veicoli e servizi avvicinandosi alle reali esigenze dei clienti è il filo conduttore anche della più recente storia aziendale.

«Negli ultimi dieci anni abbiamo rafforzato la squadra anche grazie all’entrata in azienda dei miei figli, che hanno introdotto elementi nuovi e contemporanei nelle nostre strategie permettendo così, una continuità aziendale – dice ancora Danilo Bonometti – Arriviamo al nostro cinquantesimo anniversario con le idee molto chiare e con l’orgoglio di chi sa di aver contribuito a un pezzo della storia di questo nostro straordinario settore. Un settore capace di appassionare oltre l’immaginabile e che continua a emozionarmi nonostante sia il mio lavoro… da cinquant’anni».