05 luglio 2019
porta fortuna rivista adokkiaperti.com

TURISMO, CULTURA, EVENTI, SAPORI, TERRITORIO, MOTORI, CAMPER TOUR 

turismo a 360°

L’Audi A1 Sportback debutta al Motor Show di Bologna 2011
Scritto da Rino Nazzaro
03dicembre 2011
La A1 pronta per il debutto alla tradizionale kermesse d’eccezione, il Motor Show di Bologna (3-11 dicembre) . La nuova A1 con la versione cinque porte. Infatti, il 1° dicembre, in occasione della Conferenza stampa per la presentazione della nuova A1 Sportback, è stato possibile seguire il debutto europeo sulla fanpage di Audi Italia (http://www.facebook.com/AudiIT/). La nuova Audi A1 Sportback, sarà in vendita all’inizio del 2012, presentandosi come vettura sportiva ed efficiente senza trascurare lo stile elegante Audi. Pensata per un pubblico giovane, dinamico e urbano, con sette motorizzazioni disponibili a quattro cilindri e tutte abbinano iniezione diretta e sovralimentazione. Lo stand Audi (padiglione 16), offre la visione degli altri gioielli, quali la S6 Avant e la S8. Protagonista invece, la Audi Q3, il nuovo SUV premium, ampliando la famiglia “Q”. La sua sportività, efficienza e versatilità, la rende adatta a tutti i tipi di strada e di terreno.
Ma non solo, la Audi dimostra il suo impegno nello studio di propulsori che consentono una mobilità sostenibile, infatti la Audi Q5 TFSI hybrid quattro, è il primo modello ibrido che arriva sul mercato. Infine, il top della gamma R8 Spyder risulta la Audi R8 GT Spyder 5.2 V10 quattro tronic 560 CV. Inoltre, una eccezionale novità multimediale per chi visita lo stand Audi è la presenza del codice QR all’interno della scheda tecnica dei veicoli esposti. Basta fotografare il codice QR con qualsiasi smartphone e si apre automaticamente una LiveChat con gli esperti Audi, pronti a rispondere a qualsiasi domanda, richiesta o curiosità sui nuovi veicoli.
LUBRIFICANTE MOTORE 
Scritto da Rino Nazzaro
30 agosto 2011 
Gli oli lubrificanti sono delle miscele liquide utilizzate per la lubrificazione di organi meccanici. Essi sono composti da una base di idrocarburi e da un insieme di additivi. Quest’ultimi di fondamentale importanza, si trovano in una percentuale dal 10 al 30%, servono al miglioramento della viscosità e per ridurre la formazione di schiuma e l’ossidazione. La maggior parte dei lubrificanti motore hanno caratteristiche comuni tra loro. Ogni azienda produttrice di oli aggiunge degli additivi, distinguendoli tra sintetici, semisintetici e minerali. I primi vengono ottenuti attraverso processi chimici, assicurando ottime prestazioni in condizione di alte temperature, pressione e sollecitazioni. I semisintetici, sono additivi misti, cioè sia di natura sintetica o presenti in natura. Infine, minerali, cioè additivi che non vengono generati chimicamente. Le specifiche che gli oli devono avere sono SAE che si basa sulla viscosità espressa in gradazioni SAE ( SOCIETY OF AUTO MOTIVE ENGINEERS ). Infine, la specifica API ( AMERICAN PETROLUM INSTITUTE ), dove troverete dopo la dicitura API altre lettere, tipo SL/CF oppure SM/CF, dove la lettera S viene indicata per motori a benzina e la lettera C per i motori diesel, mentre, la lettera T per motori a due tempi. La lettera che segue la prima in ordine alfabetico è quella di superamento della specifica in riferimento alle prestazioni dello stesso. Va tenuto presente che l’olio lubrificante deve essere sostituito come raccomandato dal costruttore del veicolo. Questo tipo di lavoro deve essere effettuato solo da officine specializzate, che sono autorizzate anche al recupero dell’olio esausto.
OPEL INSIGNA 2012
Scritto da Rino Nazzaro
14 agosto 2011
La Opel Insigna ha avuto molti premi, ma nel 2012 l’ammiraglia della Opel avrà motorizzazioni diverse rispetto all’attuale, riducendo consumi ed emissioni, un 140 CV di nuova concezione che insieme alla trasmissione manuale a 6 velocità, al dispositivo Start/Stop, al servosterzo elettrico e ai pneumatici a bassa resistenza al rotolamento, attestano le emissioni a 134 gr/Km, riducendo i consumi a 5,7 litri per 100 Km, molto più bassi rispetto rispetto alla serie precedente. Un 1,4 turbo di tutto riguardo, dove raggiunge da ferma i 100 Km/h in soli 10,9 secondi, giungendo una velocità massima di 205 Km/h. La Station Vagon (Tourer) ha bisogno solo di 0,2 litri di benzina in più per percorrere 100 Km. Non solo, nonostante l’economia nei consumi, la coppia aumenta del 15% rispetto alla serie antecedente. La 2,0 turbo 4x4 con 250 CV e una coppia massima di 400 Nm sempre con cambio manuale a 6 marce, raggiunge da ferma i 100 Km/h in soli 7,5 secondi, raggiungendo una velocità massima di 250 Km/h limitata con l’elettronica. Anche la sicurezza viene aumentata sulla nuova serie 2012. 
COMMON RAIL
scritto da Rino Nazzaro
07 luglio 2011
Molti pronunciano ma pochi conoscono.
Il common rail non è altro che un sistema di alimentazione inventato nel 1997 nei laboratori Fiat. Esso, a differenza dei precedenti sistemi di alimentazione, invia il combustibile ad una elevata pressione agli iniettori per il tramite di un unico condotto (common rail). Il sistema si divide in due parti, la prima a bassa pressione che alimenta il sistema dal serbatoio, e l’altro ad alta pressione che viene alimentato da una pompa elettrica. Quest’ultima consente di avere una pressione costante a tutti i regimi. Questo consente di avere una coppia superiore rispetto alle precedenti alimentazioni, meno rumorosità del motore e consumi ed emissioni ridotte.